Cute sensibile e couperose

Sempre più numerosi pazienti riferiscono di avere una pelle sensibile e lamentano la sensazione di "pelle che tira", pizzicore, calore e prurito fino al rossore acceso associato a fragilità vascolare, capillari, ossia la conosciuta couperose-rosacea.
Molte di queste persone la considerano come uno stato cutaneo normale.
 
La cute sensibile e ancor più la couperose dipende da fattori costituzionali, familiari, dal fototipo, dall'ambiente (caldo umido, vento, sudore,sbalzi termici soprattutto in inverno, quali caloriferi, camini, fonti di vapore...), dieta (alcool, cibi fermentati, piccanti..), scorretta gestione dei cosmetici.
Spesso questo disturbo progredisce con l'età e  il rossore del volto viene scambiato erroneamente con l'abuso di alcool, arrecando disagio e mancanza di autostima tali da condurre all'isolamento sociale.
Oggi il dermatologo è in grado di impostare una terapia topica eo sistemica mirata in seguito a una valutazione approppriata del grado di gravità della couperose-rosacea, del tipo di pelle e personalità del paziente.
Fondamentale l'uso di detergenti, emollienti e coprenti adeguati e la protezione con schermi solari, a pari passo con l'integrazione di antiossidanti, vitamine e l'impostazione di una dieta specifica.
 
NOVITA':  gli inestetismi rossi che "macchiano" il volto, ossia il reticolo di fini capillari e venule che determinano il rossore fisso di fondo del volto (il paziente riferisce che non riesce ad avere mai il viso chiaro e pulito), sopratutto guance e naso, vengono fotocoagulati con il laser vascolare Nd:Yag 1064 long pulse e la luce pulsata, con inserimento immediato nella vita sociale.   (questo tratto è lo scopo dell'articolo e va evidenziato)
 
Il risultato consiste nell' eliminazione dei capillari e stimolo del collagene e fibre elastiche, con miglioramento del tono cutaneo, dei pori dilatati, delle sottili rughe, quindi un generale miglioramento e rafforzamento della " qualità e intolleranza " della cute.